Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider Vinaora Nivo Slider

IMPIANTI ECOLOGICI TRATTAMENTO ACQUE

 

L'Impianto di Trattamento Acque di Scarico (TAS) è situato all'interno dello Stabilimento petrolchimico di Ferrara, esso ha lo scopo di depurare le acque di scarico dello Stabilimento e scaricarle in condotta comunale secondo i limiti previsti dalla Tabella 3 dell'Allegato 5 del D.Lgs. 152/99 "Scarichi in Pubblica Fognatura".

L'impianto è essenzialmente suddiviso in 2 stadi di trattamento:

1) Trattamento Primario (Chiariflocculazione).
2) Trattamento Secondario (Ossidazione biologica).

Trattamento Primario (Chiariflocculazione)

L'Impianto di Trattamento Primario è costituito da:

1) Vasche di correzione pH e di preparazione del fiocco di fango.
2) Sezione Stoccaggio e Dosaggio reattivi per correzione pH che sono:

  • HCl (Acido Cloridrico 33%);
  • NaOH (Soda Caustica 50%);
  • FeCl 3 (Cloruro Ferrico 15%);

3) Stazione di dosaggio del Polielettrolita (per la formazione dei fiocchi di fango);
4) Chiarificatori primari;
5) Sezione di Estrazione del fango;
6) Pozzetto 0/0 di raccolta delle acque reflue dell’impianto.

Il trattamento previsto consiste in una correzione eventuale del pH dell’acqua in ingresso all’impianto, in caso di valori fuori dal range 6.5÷9.5. La correzione del pH è ottenuta tramite il dosaggio di Acido Cloridrico 33%, o di Soda 50% con pompe dosatrici comandate da un pHmetro.

Le materie prime dell’impianto TAS, quali Acido Cloridrico, Soda, Acido Fosforico, provengono da ditte terze tramite autobotti.

Trattamento secondario (Ossidazione biologica)

L'Impianto è suddiviso in 5 sezioni, più una vasca di accumulo di emergenza. Esse costituiscono, una di seguito all'altra, i successivi stadi di trattamento di depurazione delle acque reflue e del trattamento dei fanghi prodotti. Tali sezioni vengono denominate:

1. Neutralizzazione, completa di serbatoi e sistema di alimentazione dei neutralizzanti e nutrienti per la flora batterica.
2. Percolazione biologica.
3. Sedimentazione finale e pompaggio della acque trattate.
4. Raccolta e filtropressatura dei fanghi.

I reflui provenienti dal Trattamento Primario sono costituiti da acque inquinate da sostanze organiche varie, la cui concentrazione è compresa tra 1.000 e 2.000 mg/l max totali. Tali reflui sono convogliati, tramite tubazione, in una vasca di neutralizzazione completa di sistema di correzione del pH (Acido Cloridrico 33% e Soda Caustica 50%), e di dosaggio nutrienti (H3PO4 - Acido Fosforico 35% diluito).

Dalla vasca l’acqua stramazza nelle vasche ed è rilanciata tramite le pompe ai due stadi del percolatore che è l’impianto biologico di depurazione e offre la possibilità di sopportare un notevole carico organico. (immagine2)

Immagine 2

Immagine 3

All’uscita dal percolatore l’acqua viene inviata alla vasca di sedimentazione finale che ha lo scopo di decantare i solidi sospesi prodotti dal processo di depurazione biologica. (immagine3)

Le acque chiarificate sono quindi inviate alla fognatura mediante le pompe, mentre i fanghi vengono raccolti ed inviati ad un addensatore e successivamente filtropressati.

Tra il trattamento primario e il trattamento secondario si trova la vasca di accumulo ed equalizzazione, usata in casi di emergenza. Tale vasca consente di omogeneizzare e smorzare eventuali picchi di carico organico e di pH che risulterebbero critici per la fauna batterica della sezione biologica.

La vasca di emergenza è costruita in terra battuta ed impermeabilizzata. Essa ha un volume di circa 8.000 mc (dimensioni 50 x 70 m, altezza 3,5 m), ed è fornita di pompe per omogeneizzazione e travaso acqua. (immagine 4)

I parametri di controllo delle acque in ingresso e uscita all’impianto TAS (COD, pH, NH4, solidi sospesi, ecc) sono costantemente monitorati da strumentazione dedicata in ciclo continuo e da apposito laboratorio chimico accreditato.